Valutazione diamanti Valenza

Certificazione diamanti e pietre preziose

L’attività è leader nella valutazione di pietre preziose in tutta la provincia, rilasciandone un’accurata certificazione.


  • Gioielleria

    La ditta si occupa della lavorazione e vendita di pietre destinate al settore della gioielleria e oreficeria.

  • Diamanti certificati

    La gamma di proposte comprende diamanti tagliati dotati di certificati internazionali GIA, HRD e IGI.

  • Rubini

    Tra le pietre lavorate e valutate, oltre ai diamanti, anche i rubini, una delle pietre più preziose.

  • Zaffiri e smeraldi

    La gamma delle gemme trattate dal laboratorio comprende tutte le pietre preziose.

  • Analisi diamanti: caratura, colore e purezza

    La grande esperienza e competenza maturate da Avishay Namdar Diamond nei tanti anni di lavoro sul mercato nazionale e internazionale per la vendita, l’acquisto e la lavorazione delle pietre preziose la rende una realtà di riferimento anche nella valutazione dei diamanti a Valenza e in tutto il territorio provinciale. I tecnici che operano all’interno del laboratorio sono in grado di analizzare e valutare ogni pietra, rilasciando un certificato completo che ne attesta l’autenticità e ne descrive le caratteristiche. Per effettuare tale analisi i parametri presi in considerazione sono otto: caratura, colore, purezza, proporzioni, simmetria, politura, fluorescenza e taglio.

    Per un diamante i carati ne contraddistinguono il peso. Un carato equivale a 0.2 grammi. Solitamente le principali carature disponibili sul mercato sono le seguenti, che vengono comparate alla dimensione in millimetri del diametro della pietra: 0,5 (5 mm) – 0,75 (5,80 mm) – 1,00 (6,40 mm) – 1,25 (7.00 mm) – 1,50 (7,50 mm) – 2,00 (8.00 mm) – 2,50 (8,50 mm) – 3,00 (9,00) – 4,0 (10,20 mm) – 5,00 (11,00 mm).

    La colorazione è una delle caratteristiche più evidenti all’occhio anche di una persona non esperta. Il pregio di un diamante aumenta quanto più la pietra è bianca. La scala utilizzata adopera le lettere che vanno dalla D alla Z, dove la prima contraddistingue un bianco molto accesso, mentre l’ultima un giallo marcato. I più preziosi diamanti utilizzati in gioielleria sono quelli con colore D-E-F, mentre i colori G-H caratterizzano l’alta gioielleria e I-J offrono un ottimo rapporto tra qualità e prezzo.

    La scala di purezza dei diamanti è stata introdotta dal Gemological Institute of America ed è impiegata a livello internazionale. Essa valuta la presenza di impurità nel cristallo attraverso un’attenta analisi al microscopio. Ad una maggiore purezza, il cui apice è il valore IF, con totale assenza di inclusione, corrisponde un altissimo valore. Solitamente in gioielleria vengono impiegati brillanti con una purezza che varia tra il VVSl1 e VVSl2 per gioielli unici e di alto valore, mentre nella media gioielleria si impiegano gemme con purezza VSl1 e VSl2.



    Nella valutazione dei diamanti a Valenza effettuata dai gemmologi di Avishay Namdar Diamond vengono considerate anche le proporzioni, uno dei parametri che caratterizzano il taglio della pietra. La brillantezza è infatti condizionata da questo elemento: le ottimali proporzioni delle faccette della gemma offrono un ritorno di luce eccellente.

    Sempre inerente il taglio, questo parametro incide sulla qualità del diamante esaltandole il colore. Esso si riferisce alla precisione e all’equilibrio presenti nelle varie parti della gemma. Tali parti sono la colora, dove la tavola è l’elemento più importante per valorizzare la brillantezza, la cintura, il padiglione e l’apice.

    Nei certificati che accompagnano la gemma, la politura è valutata con la stessa scala della simmetria e definisce il suo livello di lucidatura, in grado di riprodurre al meglio gli effetti di rifrazione e riflessione tipici di questa pietra preziosa.


    Questo parametro viene rilevato sottoponendo il diamante a un fascio di radiazioni ultraviolette. Se esso emette fluorescenza nulla è qualitativamente elevato.


    In gioielleria i tagli più impiegati sono il brillante, lo smeraldo, l’ovale, il pear e il princess. La tipologia dipende dal tipo di pietra e dalle sue caratteristiche. A deciderlo è il tagliatore, che in questo modo è in grado di valorizzarne al meglio le peculiarità.